0039 0403480411 info@radovani.it

Domotica e la vita in casa durante la pandemia

La casa è diventata sempre più il centro delle nostre vite

Non siamo mai stati tanto a casa come nell’ultimo anno, un fatto incontrovertibile, conseguenza diretta della pandemia che ha, in fondo, soltanto accelerato un processo che da tempo è in corso. Anche prima del coronavirus si parlava di cinema in grande difficoltà, visto il ventaglio d’offerte della tv streaming; e se si costruiscono stadi sempre più piccoli rispetto ai colossi di qualche decennio fa, è perché in molti sono disposti a rinunciare all’atmosfera della visione “in presenza” per la comodità della partita sul proprio divano. Le palestre? Sempre frequentatissime ante-Covid, ma con qualche incrinatura che già era evidente, dovuta alla quantità crescente di corsi online, training personalizzati, app integrate con dieta-ginnastica-meditazione.

Certo, l’impatto dei lockdown ha enfatizzato, fino a livelli francamente insostenibili, la tendenza corrente. Perché una cosa è scegliere di rimanere a casa per passare una serata a guardare un film su Netflix, un’altra è essere obbligati a non uscire per andare al lavoro, a scuola, a cena dagli amici, a fare una passeggiata. A prescindere dal motivo, un luogo che per molti era solo il posto dove dormire, che si vedeva di sfuggita al mattino e alla sera, è diventato il centro di tutte le nostre attività. Secondo App Annie, infatti, anche per l’anno prossimo lo “state a casa”, forzato o meno, rimarrà lo standard. La crescita delle ore passate su app di telefonia mobile per il 2021 sarà elevata per tutti i settori, con punte del +62% per la didattica e +57% per le app business (in entrambi i casi grazie al boom delle videoconferenze, con Zoom che si appresta a entrare anche nel mercato dei grandi eventi con la nuova piattaforma OnZoom). Anche lo streaming tv continuerà il suo momento d’oro, con un +43% del tempo trascorso. Molto bene, infine, lo shopping con lo smartphone in mano (+40%), il food delivery(+38%), le app fintech (+35%) e quelle di fitness (+23%).

Il fenomeno del couch commerce è ormai tanto dominante che ci si aspetta, negli Stati Uniti, una cifra vicina al miliardo di ore complessive, solo sui dispositivi Android, per il mobile shopping. E le strategie cambieranno di conseguenza: Disney ha già annunciato che punterà molto di più sullo streaming che in passato, considerando come alcuni grossi rami produttivi tipici del secolo scorso, come i parchi a tema, hanno fatto registrare un rosso allarmante, con licenziamenti a catena e non poche attrazioni che forse non riapriranno mai più.

Domotica, tra elettrodomestici intelligenti e agevolazioni fiscali

Se in casa si è costretti a stare, è normale far sì che sia anche comoda e, soprattutto, automatica. Il business della smart home applicato alle abitazioni private è un altro dei settori che non sembra risentire della crisi pandemica, o comunque aver assorbito molto meglio il colpo. Gli italiani sono disposti a spendere anche l’8-10% in più per case supertecnologiche e con una connessione in fibra ottica di ultima generazione, in grado di fornire la struttura necessaria per tutta una serie di soluzioni, che includono smart lock, termostati controllabili a distanza, luci a LED che si accendono quando il proprietario arriva a casa e si spengono quando se ne va, videocitofoni avanzati ma anche sistemi che riducano la necessità di contatto. Ad esempio, nei Covid hotel una delle caratteristiche più richieste è proprio il controllo degli accessi a distanza, in modo che sia possibile mantenere il distanziamento sociale anche in questi contesti.

Smart home

Secondo una ricerca di Samsung dello scorso aprile, il 61% degli italiani ha avuto modo di scoprire le potenzialità della smart home per la prima volta, mentre il 40% ha cominciato a sfruttare molto di più le possibilità che già aveva. Tra le tecnologie più apprezzate c’è sicuramente la termoregolazione tramite smartphone, ma anche la possibilità di mettere in comunicazione lo smartphone con la smart tv: un’ennesima conferma che, malgrado in tanti ne avessero decretato la fine, la televisione gode ancora di ottima salute, e che la bellezza e la comodità di uno schermo ultrapiatto da cinquanta o sessanta pollici lo fa ancora preferire ai pur sofisticatissimi OLED dei telefonini di alta gamma. E proprio in relazione alla necessità costante di igienizzare e sanificare gli ambienti di casa, non stupisce che gli elettrodomestici più richiesti anche nella loro versione “smart” siano soprattutto l’aspirapolvere dotato di intelligenza artificiale, magari da attivare con un comando vocale, seguito dal forno, dalla lavatrice, dal frigorifero e dalla lavastoviglie. Con il massimo del risparmio energetico possibile, è chiaro, anche per poter sfruttare l’ecobonus.

Se desideri conoscere tutte le opportunità legate alla domotica ed agevolazioni fiscali in atto, contattaci per un preventivo personalizzato su info@radovani.it

Contattaci ora!

    L’interessato, letta l’informativa sotto riportata, accetta espressamente e presta il consenso al trattamento dei propri dati.

    SiNo

    Leggi la Privacy Policy del modulo di contatto

    Seguici sui social!

    Contattaci ora!

      L’interessato, letta l’informativa sotto riportata, accetta espressamente e presta il consenso al trattamento dei propri dati.

      SiNo

      Leggi la Privacy Policy del modulo di contatto

      Seguici sui social!