0039 0403480411 info@radovani.it

Come può una Pmi approcciare la quarta rivoluzione industriale in maniera concreta e a fronte di investimenti che siano quanto più possibile alla sua portata?

I benefici del refitting non si limitano alla manutenzione, ma sono estendibili all’intero impianto produttivo:

  • implementando sistemi di logistica interna automatizzata adattandoli al layout esistente,
  • sistemi di catalogazione con droni,
  • inserendo stazioni dove operano robot collaborativi.

Da qualche anno lo Stato ha messo in campo degli aiuti finanziari finalizzati a incentivare molte imprese del comparto produttivo ad acquistare macchinari intelligenti. Tuttavia non è un macchinario di ultima generazione a fare di un sito produttivo una vera smart factory e talvolta, il ricorso a tali incentivi si è limitato al mero acquisto di una nuova macchina e poco più.

Le macchine di nuova generazione possono dare un valore aggiunto se sono connesse tra loro e se tutti i dati che sono in grado di fornire vengono adeguatamente raccolti, processati e impiegati nelle valutazioni del caso che permettano di estrarre valore da essi (data driven).

Per fare un’analogia, se acquistassimo un macchinario moderno senza implementare un’adeguata raccolta e trattamento dei dati sarebbe come se acquistassimo uno smartphone di ultima generazione e lo usassimo solo per telefonare e inviare sms rinunciando a tutta una serie di potenzialità quali la possibilità di consultare una pagina web, di seguire delle indicazioni stradali, di acquistare con un tap un biglietto per il trasporto pubblico ecc; in tal caso non staremmo sfruttando appieno il potenziale dello smartphone e ci staremmo perdendo molti dei benefici che quel device ci può dare.

Il refitting è una pratica volta ad ammodernare macchinari non recentissimi in modo che possano avvicinarsi al funzionamento di sistemi più moderni, allungarne la vita utile e fornire dati sul loro funzionamento in maniera molto simile alle macchine di ultima generazione (anche detti “Industry 4.0 ready”).

Una volta che la macchina sarà stata ammodernata sarà in grado di fornire informazioni utili sul suo funzionamento, ad esempio:

  • assorbimenti anomali di corrente possono essere indice di qualche malfunzionamento di natura elettrica;
  • eccessivi livelli di vibrazione (e di rumore) possono indicare usura dell’utensile o di un componente della catena cinematica della macchina con conseguenti ricadute sulla qualità dei pezzi prodotti;
  • anomalie nelle temperature possono indicare strisciamento di alcuni componenti o problematiche nei sistemi di raffreddamento.

A questo punto, conoscere il regime di funzionamento della macchina permette di processare le informazioni raccolte tramite un software basato su algoritmi di intelligenza artificiale ed eseguire la manutenzione predittiva, ovvero un approccio di manutenzione che ragionando a priori permette di monitorare e anticipare un possibile guasto e quindi di pianificare al meglio gli interventi di manutenzione riducendo invece quelli di riparazione. Le conseguenze sono quindi una diminuzione delle riparazioni, una pianificazione più consapevole e mirata della manutenzione nonché una miglior qualità dei pezzi prodotti e della pianificazione della produzione nel suo insieme.

Per maggiori informazioni e un preventivo personalizzato scrivici subito su: info@radovani.it.

Contattaci ora!

    L’interessato, letta l’informativa sotto riportata, accetta espressamente e presta il consenso al trattamento dei propri dati.

    SiNo

    Leggi la Privacy Policy del modulo di contatto

    Seguici sui social!

    Contattaci ora!

      L’interessato, letta l’informativa sotto riportata, accetta espressamente e presta il consenso al trattamento dei propri dati.

      SiNo

      Leggi la Privacy Policy del modulo di contatto

      Seguici sui social!

      × Ciao! Come possiamo aiutarti?