0039 0403480411 info@radovani.it

L’allarme è scritto in ogni singola dichiarazione proveniente dalle istituzioni e dagli analisti: nei prossimi anni il prezzo dell’energia sarà alto e chi non troverà riparo dovrà mettere in conto una progressiva erosione del proprio potere d’acquisto. C’è però un’arma che il privato può utilizzare come scudo di fronte alla tempesta perfetta che le bollette stanno riversando sulle famiglie: si tratta del fotovoltaico.

Investire nel fotovoltaico è un’operazione vantaggiosa, a prescindere. Lo è perché, conti alla mano, si tratta di un investimento che ha una resa ventennale e che dopo pochi anni si è già ripagato da sé. Nel tempo, insomma, un impianto fotovoltaico non rappresenta soltanto un modo per ripararsi dall’aumento dei costi, ma è altresì un vero e proprio investimento con una rendita passiva commisurata ai propri consumi.

Il 2022 può essere l’anno della svolta per il fotovoltaico perché, dopo anni di insistenza sulla sostenibilità, a scendere in campo è ora un forte motivo di convenienza economica a dettare i tempi delle riflessioni. Sono due gli elementi vantaggiosi da tenere in stretta considerazione: il primo è il risparmio derivante dall’autoconsumo; il secondo è il risparmio derivante dal bonus fotovoltaico da poter sfruttare. Tutto attorno v’è una serie ulteriore di opportunità in grado di esplicitare una convenienza ancor più cospicua e ambiziosa.

L’autoconsumo è l’aspetto più importante e, con le tariffe dell’energia elettrica alle stelle, rappresenta la voce di maggior guadagno (leggasi come “mancata spesa”) da mettere in conto. L’autoconsumo, infatti, consente di annullare del tutto le spese della componente energia nel momento in cui si concentrano gli assorbimenti elettrici in orari in cui maggiore è la produzione. Un esempio: se si utilizza la lavatrice in orario notturno, si ottiene un piccolo risparmio percentuale derivante dal fatto che l’assorbimento avviene in una fascia oraria a costo minore; se si utilizza la lavatrice in orario diurno, mentre la produzione da fotovoltaico è massima, il costo del lavaggio è completamente annullato.

L’autoconsumo annulla i costi della componente energia durante le ore di produzione. Ciò consente da una parte di utilizzare gli elettrodomestici più energivori nelle ore di massima produzione (lavatrice, lavastoviglie, aspirapolvere, piastre a induzione, eccetera), ma con un piccolo impianto di accumulo permette altresì di stoccare parte dell’energia per utilizzarla negli orari in cui la si dovrebbe invece giocoforza pagare (poiché in orario notturno la produzione da fotovoltaico è annullata).

La componente dell’autoconsumo nelle valutazioni di convenienza è primaria. I risparmi in bolletta sono tali per cui nel giro di pochi anni buona parte dell’investimento è già ripagata e tutto il resto sarà vero e proprio guadagno.

Per maggiori informazioni e un preventivo personalizzato scrivici subito su: info@radovani.it.

Contattaci ora!

    L’interessato, letta l’informativa sotto riportata, accetta espressamente e presta il consenso al trattamento dei propri dati.

    SiNo

    Leggi la Privacy Policy del modulo di contatto

    Seguici sui social!

    Contattaci ora!

      L’interessato, letta l’informativa sotto riportata, accetta espressamente e presta il consenso al trattamento dei propri dati.

      SiNo

      Leggi la Privacy Policy del modulo di contatto

      Seguici sui social!

      × Ciao! Come possiamo aiutarti?